Industrieceramiche.com

Giulio Iacchetti disegna le nuove sedute di Metalmobil

Giulio Iacchetti disegna le nuove sedute di Metalmobil

Per Giulio Iacchetti il senso è tutto. Ed è proprio la ricerca del senso che lo ha guidato nella progettazione di una nuova collezione di sedute che il designer ha realizzato per l’azienda Metalmobil.

La gamma Dalton, questo il suo nome, è stata svelata e presentata in anteprima mondiale in occasione del Salone del mobile di Milano, dove ha riscosso consensi e successo. L’idea è nata, appunto, dalla voglia di Iacchetti di dare un senso alle cose attraverso la progettazione e l’innovazione. Qual è, allora, l’elemento di novità delle proposte della collezione Dalton? Le modalità di assemblaggio e di costruzione, racconta il designer, cui va il merito di aver disegnato delle sedute dal carattere fortemente contemporaneo e grintoso. Nella linea c’è di tutto un po’: sedie con lo schienale alto o basso a seconda dei casi, sgabelli e poltrone lounge.

Ciascuna di queste proposte segue per filo e per segno il nuovo principio costruttivo che Iacchetti dice di aver ideato. Il sistema di montaggio di queste nuove sedute è costituito, cioè, da quelli che possono essere considerati due ponti: uno unisce le gambe anteriori, l’altro quelle posteriori. Le gambe sono unite, a loro volta, da un apposito telaio di collegamento che garantisce alla struttura la massima stabilità. Tre pezzi distinti e separati, dunque, ma facilmente assemblabili, da collegare, a loro volta, allo schienale e alla seduta, sempre con la stessa semplicità. Il risultato è una seduta pulita e fortemente lineare. Quasi grafica, se vogliamo.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, invece, i modelli progettati da Giulio Iacchetti per Metalmobil sono interamente realizzati in legno: è nel materiale naturale per eccellenza che è declinata la parte superiore della sedia, quella che si completa col rivestimento, ma anche il listello che unisce schienale e seduta, che oltre ad essere indispensabile in termini di architettura costruttiva è anche un dettaglio estetico d’innegabile impatto visivo. Ma di che tipo di legno si tratta? Frassino, ovviamente, noto per le sue impareggiabili caratteristiche meccaniche, per la stabilità e la resistenza che hanno fatto la sua fortuna.

Una scelta dettata anche da ragioni meramente estetiche, visto che questo tipo di legno, così chiaro e luminoso, grazie alle sue affascinanti venature è in grado di rendere assolutamente unico ogni pezzo. La palette cromatica dei rivestimenti, invece, è piuttosto ben assortita: si può scegliere tra rosso, prugna, nero, grigio, verde, azzurro e chi più ne più ne metta, per arredare ogni singolo ambiente in maniera impeccabile con lo stile e la classe che da sempre contraddistinguono le proposte firmate Metalmobil.