Industrieceramiche.com

Cordivari vince il Red Dot Design Award 2017

Cordivari vince il Red Dot Design Award 2017

Il Red Dot Design Award è il premio che, ogni anno, viene assegnato ad un product designer per premiare l’estetica, il contenuto e l’equilibrio dei suoi progetti. La giuria, quest’anno, non ha avuto dubbi: l’ambito riconoscimento è andato a Marco Pisati, che ha realizzato per l’azienda Cordivari Design una collezione di accessori che ha lasciato tutti a bocca aperta.

Lynea, questo il nome della gamma di proposte da lui firmata, nasce per reinventare completamente il termoarredo, un elemento pratico e funzionale, già abbondantemente diffuso, ma spesso poco convincente dal punto di vista del design. A Pisati è andato, dunque, il merito di averlo reinterpretato in chiave fortemente contemporanea, votata quasi al minimalismo, badando tanto all’armonia dei suoi dettagli che alle funzioni cui un oggetto del genere deve assolvere.

Nonché alla flessibilità d’uso, che è poi la grande novità introdotta dalla collezione Lynea, quella che più di tutte ha convinto la commissione giudicante. Il termoarredo che si è aggiudicato il Red Dot Design Award 2017 non è, infatti, solo un comune calorifero fine a se stesso, ma funge anche da appendino, mensola e porta asciugamani, visto che può essere corredato da alcuni accessori di serie appositamente pensati per ottimizzare gli spazi a disposizione. Il suo design, inoltre, non lo rende adatto solo ed esclusivamente alla zona bathroom: grazie alle sue linee pulite e sofisticate, infatti, nulla vieta di installarne uno anche negli ambienti living, in cucina o in camera da letto, per sfruttarne al meglio tutte le potenzialità.

Un oggetto polifunzionale, insomma, che scalda e decora con stile al tempo stesso, e che risponde perfettamente alle nuove richieste di un target sempre più esigente, attento alla versatilità degli elementi e alla loro capacità di semplificare, per quanto possibile, la vita di tutti i giorni. È per questo che la giuria del Red Dot Design Award non ha neanche avuto bisogno di pensarci troppo su: Pisati, d’altro canto, ha presentato un progetto che soddisfaceva tutti i requisiti richiesti, ovvero l’esclusività del design, la modularità e l’integrabilità. Un prodotto unico e personalizzabile, funzionale ed esteticamente accattivante, destinato a stravolgere per sempre il tradizionale concetto di termoarredo.