Illuminazione>>Lampadari a sospensione, tutti i consigli da tenere a mente

Lampadari a sospensione, tutti i consigli da tenere a mente

Lampadari a sospensione, tutti i consigli da tenere a mente

Se hai deciso di acquistare un lampadario a sospensione per migliorare e valorizzare l'illuminazione del tuo ufficio o del tuo appartamento, potresti essere interessato a una breve guida che riporti tutti i consigli da tenere a mente per sfruttare nel migliore dei modi questo prodotto. Come ben sai, l'illuminazione non serve solo a veder bene, ma anche a rendere più confortevoli gli ambienti in cui si passa il tempo e a garantire armonia ed equilibrio in ogni stanza; in più, contribuisce in modo decisivo alla completezza e alla bellezza di qualsiasi stile di arredamento. Le lampade a sospensione, in effetti, svolgono questo compito in maniera impeccabile, ma solo a condizione che vengano selezionate con cura e dopo un attento e meticoloso lavoro di ricerca.

Come scegliere una lampada a sospensione

Nel momento in cui ti accingi a scegliere e a comprare una lampada a sospensione, non devi aver paura di esagerare o di sbagliare: pur dovendo completare un arredamento sobrio e all'insegna della semplicità, puoi osare con un lampadario non troppo discreto. Anzi, la scelta di un modello importante sotto il profilo estetico ti garantisce molteplici opportunità di personalizzazione e al contempo ti permette di trasformarlo nel protagonista dell'ambiente, destinato a catturare sempre l'attenzione.

Sul piano pratico, ci sono alcuni errori da cui dovresti tenerti alla larga: il primo è quello che ha a che fare con l'altezza. A tal proposito, gli esperti suggeriscono che la distanza tra il pavimento e la parte bassa del lampadario dovrebbe essere almeno di tre quarti rispetto a quella tra il pavimento e il soffitto. In effetti, un lampadario che si dovesse rivelare troppo basso non solo non garantirebbe un'illuminazione ottimale, ma addirittura potrebbe essere di intralcio per i movimenti. Nel caso in cui, invece, la lampada fosse posta al di sopra di un tavolo, la distanza tra i due elementi dovrebbe essere di circa 90 centimetri.

Lo stile dell'illuminazione

Per avere la certezza che lo stile dell'illuminazione del luogo in cui vivi sia impeccabile a 360 gradi, devi fare a meno delle plafoniere: è vero che queste possono renderti la vita più facile, considerata la semplicità di installazione che le caratterizza, ma è altrettanto vero che sono insignificanti sotto il profilo estetico. Insomma, è molto meglio puntare su un lampadario vero e proprio, a prescindere dal punto che vuoi illuminare, anche se si tratta dell'ingresso o di un antro. Le difficoltà tecniche a cui potresti andare incontro non ti devono scoraggiare per alcun motivo: e se proprio desideri collocare il lampadario a sospensione in un punto diverso dal suo attacco, non devi fare altro che usare un chiodo per spostare il cavo.

Nell'eventualità in cui tu abbia a che fare con un soffitto particolarmente alto, invece, puoi scegliere un lampadario a sospensione di grandi dimensioni. Come puoi notare, quando si parla di illuminazione - e di arredamento in generale - è meglio non accontentarsi della prima proposta in cui ci si imbatte, ma dedicarsi a un certosino lavoro di ricerca che potrà essere impegnativo ma che, quando darà i risultati auspicati, si rivelerà gratificante e soddisfacente. Sbagliare lampadario vuol dire compromettere del tutto l'atmosfera di casa, soprattutto in soggiorno o in camera da letto: vale la pena di investire bene il proprio tempo e il proprio denaro.

Pubblicata il 16/02/2018 13.07.31