Camere da letto>>Quale materasso scegliere

Quale materasso scegliere

Precise statistiche hanno constatato che un essere umano, mediamente passa circa 230.000 ore della sua vita, dormendo. Praticamente circa ventisei anni li trascorriamo a letto e, appare evidente il fatto, che più comodi stiamo e meglio riposiamo. Le dominanti per godere di un sonno di qualità sono varie ed includono il nostro stato fisico, il clima che c’è all’interno della camera ma, soprattutto, la bontà di un letto dotato di un materasso di alto profilo.

Come scegliere il materasso giusto

E’ buona regola, quindi, scegliere accuratamente il proprio materasso basandosi sulle caratteristiche dello stesso e sulle individuali esigenze fisiologiche.
Il problema, per i non addetti ai lavori, è quello che il panorama dell’offerta presente sul mercato è talmente variegata che non è certo facile scegliere quale sia il materasso più idoneo per se stessi. Vediamo quelli che sono alcuni criteri utili per avere almeno una base dalla quale partire.
Occorre partire dal fatto che il materasso matrimoniale o singolo deve assicurare al corpo una posizione neutra e non forzata, al fine che la spina dorsale possa assumere la sua naturale curvatura come tutte le altre parti del corpo come testa, spalle e bacino sulle quali grava la pressione maggiore e che devono avere un allineamento corretto.

Qual è il miglior materasso

Ad esempio, un materasso che risulta troppo duro non agevola affatto una corretta postura del corpo e solleciterà negativamente proprio i punti dove la pressione è maggiore. Ma anche un materasso decisamente morbido, può creare problemi di postura perché il corpo non riceverà l’adeguato supporto del quale ha bisogno.
In entrambi i casi il risultato che si andrà a maturare è un ‘non riposo’ che vi farà svegliare con un enorme senso di spossatezza.
Vale la pena di orientare la propria scelta su un materasso di tipo ergonomico, ossia che possieda quelle caratteristiche che gli permettano di adattarsi al profilo del vostro corpo. In questo caso, indipendentemente dalla marca della casa produttrice, sarebbe bene scegliere un modello che sia mediamente rigido soprattutto se soffrite di lombalgia e mal di schiena. Una accurata indagine ha potuto appurare che delle persone sofferenti di mal di schiena, riposando su di un materasso mediamente rigido, al risveglio accusavano meno dolore di altre persone che avevano riposato su un materasso più morbido.

Fare esatte valutazioni per sapere se è il caso di cambiare il vostro materasso

Se quando vi alzate dopo aver dormito, avvertite dei dolori alla schiena o alle articolazioni, molto probabilmente la causa è derivante da un materasso inadeguato al vostro corpo. L’impressione che, invece, dovreste avere è quella aver riposato su di una superficie che vi ha regalato la sensazione di galleggiare.
Per rendervi conto di come il vostro corpo reagisce una volta distesosi su di un materasso, l’unica soluzione è quella di provare materialmente a sdraiarsi sui materassi che i negozi specializzati, tengono in esposizione. Infatti gli esperti suggeriscono di fare questa prova per almeno una decina di minuti ma sappiamo che non sempre questo può essere fattibile.
Ecco la ragione per la quale viene esposto un elenco analitico dei modelli in commercio, con lo scopo di illustrarvi le singole caratteristiche di ognuno.

Analisi comparativa dei modelli di materassi in commercio

· Materassi a molle: sono quelli che sono largamente utilizzati per una più che acquisita valorizzazione nel tempo. Le molle elicoidali –indipendenti l’una dall’altra- hanno il compito di reggere il peso del corpo e le stesse sono rivestite di materiali aggiunti per assicurare il massimo comfort come, ad esempio, il memory foam oppure il lattice. La configurazione a molle consente al materasso singolo o matrimoniale di affrontare con successo, anni di usura per via della loro resistenza soprattutto se queste sono qualitativamente valide.

Vantaggi del materasso a molle
Tra i vantaggi si annovera quello di una offerta molto esaustiva che riguarda la misura della rigidità e un’ampia scelta in ambito di costi: elementi, questi, capaci di soddisfare le esigenze di molti clienti.

Svantaggi del materasso a molle
Tra le note negative possiamo elencare il fatto che se il materasso non è dotato di un certo numero di molle (almeno 390) e se non è rivestito da materiali di qualità, con l’andare del tempo, questo si affosserà e non permetterà un riposo decente.
I materassi a molle sono indicati soprattutto per le persone in sovrappeso che possono scegliere le varianti rigide che garantiscono l’ideale supporto per sdraiarsi e rialzarsi più facilmente.

· Materassi in Memory Foam: si tratta di materassi che sono costituiti da diversi strati di schiuma di differenti densità che garantiscono una totale aderenza alla forma del corpo. Questo tipo di materasso sta riscontrando un costante successo da parte dell’utenza per un passaparola che amplifica le positive opinioni di coloro che lo hanno scelto.

Vantaggi del materasso memory foam
Tra i vantaggi più evidenti c’è quello che il memory foam, adattandosi al corpo, tende a ridurre i punti di pressione e ad attutire i movimenti.

Svantaggi del materasso memory foam
Le note negative sono riassumibili sia al fatto che essendo molto sensibile alla temperatura, il memory foam tende ad ammorbidirsi per via del calore del corpo e a ritrasmettere lo stesso in modo amplificato, sia perché alcuni modelli emanano uno sgradevole odore chimico.
E’ consigliato a tutti coloro che hanno problemi nel riposare in maniera comoda su altri materassi a condizione di sopportare bene la sensazione di caldo.

· Materassi in lattice: sono costituiti da uno spessore di gomma sintetica o anche naturale e offrono un uniforme supporto.

Vantaggi del materasso in lattice
I vantaggi di dotarsi di questo tipo di materasso sono rappresentati dall’estrema comodità che offrono (più o meno come se fosse un memory foam) e dalla spinta che garantiscono al corpo al quale forniscono un ideale supporto.

Svantaggi del materasso in lattice
La nota negativa è solamente per chi non ama distendersi su di un materasso rigido perché questa è la sua caratteristica.


Risulta ideale per chi è sofferente di mal di schiena che può approfittare di un materasso che coniuga sostegno e comodità.
· Materassi gonfiabili:non lasciatevi ingannare, non si tratta di materassini da spiaggia ma dei veri e propri materassi che, al posto delle molle, sfruttano delle singole camere d’aria che sono protette da un sufficiente strato di schiuma. Sono indicati in modo specifico da chi ha delle lesioni alla spina dorsale e a chi è costretto a rimanere allettato per molto tempo. In ogni caso possono essere personalizzati, regolandoli con lo scopo di non esercitare delle pressioni nelle zone del corpo che, in caso differente, sarebbero esposte alla formazione di lesioni cutanee e piaghe di decubito.

Vantaggi del materasso gonfiabile
Il vantaggio è rappresentato dal fatto che ogni lato del materasso può essere personalizzato a seconda delle proprie esigenze che, in questo modo, possono essere totalmente soddisfatte.

Svantaggi del materasso gonfiabile
Lo svantaggio può essere evidente soprattutto nei modelli più economici e da una errata regolazione che potrebbe rendere il materasso meno rigido di quello che è necessario per evitare l’insorgenza di mal di schiena.

Questo tipo di supporto risulta ideale per chi ha un partner con differenti esigenze di riposo e che ha bisogno di un certo tipo di rigidità differente dalla propria. 
 

Riassumendo per praticità

Per quanto possa essere difficile fare delle equiparazioni, abbiamo provato a realizzare questa sorta di analisi che ha messo a confronto vari tipi di materassi, basandoci su modelli di alta fascia.

Materasso a molle insacchettate
Vantaggi: scelta vasta di modelli; confortevoli; esaustivo panorama anche di modelli economici; diverse opzioni a proposito del loro grado di rigidezza; articolo storicamente conosciuto dalla massa.
Svantaggi: breve durata di vita; pareri positivi inferiori alla media; rumorosità; poco adattabili alla forma del corpo; poco performanti.

Materassi memory
Vantaggi: Offerta più che vasta; estrema capacità di adattarsi al corpo; isolamento dei movimenti; silenziosi; esaustivo panorama anche di modelli economici.
Svantaggi: Ritenzione del calore; possibile cattivo odore quando nuovo; non ideali per chi ama un materasso rigido; poco performanti. 

Materasso Ibrido
Vantaggi: Estrema capacità di adattarsi al corpo; isolamento dei movimenti; rigidità personalizzabile.
Svantaggi: Breve durata; ritenzione del calore; poco economico.

Materasso ad Aria
Vantaggi: Durata nella media; rigidità personalizzabile; possibilità di gestire le due parti del letto in modo indipendente.
Svantaggi: Poco economico; rumoroso; possibile irregolarità della superficie; possibilità di rotture.

Materasso Lattice
Vantaggi: Silenzioso; ecosostenibile; personalizzabile.
Svantaggi: Ritenzione del calore; modesta scelta; possibile cattivo odore.

Marerasso ad Acqua
Vantaggi: Elevata durata; possibilità controllare temperatura; estrema capacità di adattarsi al corpo; modelli dal costo anche economico.
Svantaggi: Possibili rotture; necessaria manutenzione; difficile montaggio; rumoroso; possibile cattivo odore.

Materasso Futon
Vantaggi: Economico; ampia varietà di stili; possibile duplice utilizzo.
Svantaggi: Breve durata; possibile cattivo odore; troppo sottile e rigido. 

Altri suggerimenti

Purtroppo anche un buon materasso ha una vita limitata che, nel corso degli anni e con il logico suo utilizzo, perde quelle caratteristiche che lo avevano contraddistinto al momento del suo acquisto. C’è da tenere presente anche il fatto che, per quanto possiate starci attenti ed igienizzarlo di tanto in tanto, il materasso collezione acarifunghigermi e polvere che producono allergie e altri problemi. Va da se che la durata media di un buon materasso può essere di una dozzina di anni, dopo di che arriva il momento di cambiarlo con un nuovo modello.

Abbiamo già visto, proprio all’esordio di questo articolo, che passiamo migliaia di ore dormendo e che il riposo risulta un momento essenziale per poter recuperare quelle energie psico-fisiche che sono necessarie per affrontare un nuovo giorno di vita. Gli esperti caldeggiano il fatto che occorre dormire almeno otto ore e farlo su di un letto confortevole è quanto bisogna fare. Ecco la ragione per la quale il materasso va scelto con cognizione di causa affinché possa essere adeguato a quelle che sono le caratteristiche di ognuno. 

In rete si trovano dei suggerimenti che cercano di istruire i consumatori su alcuni elementi che possono essere utili all’atto della scelta. Ad esempio, occorre diffidare di quei materassi caratterizzati dal fatto di essere ‘Bio’. Il biomaterasso non esiste in quanto il termine è esclusivamente di pertinenza di cibi provenienti da una coltivazione biologica ed appare evidente che i materassi non si coltivano e, quindi, è bene non lasciarsi ingannare da questo inappropriato termine.

In linea di massima un materasso non deve essere ne troppo rigido e neppure troppo soffice e, per evitare formazioni di umidità foriere di muffe, è preferibile orientare la propria scelta verso prodotti costituiti da materiali traspiranti certificati. Per accettarsi di questa caratteristica è bene leggere attentamente la scheda informativa che accompagna il materasso stesso e se questa è assente, iniziate pure a diffidare della sua qualità. Infatti, la scheda è una sorta di carta di identità del prodotto e deve riportare alcuni dati come la portanzala densità e tutti i materiali utilizzati nella fabbricazione del materasso.
Abbiamo già accennato al fatto di provare materialmente l’impressione che ricavate sdraiandovi sul materasso per determinare il suo comfort e l’ergonomia, che sono due dati che vi offrono l’immediata sensazione di comodità o meno del prodotto. Ovviamente, nel caso di un acquisto online, non avrete modo di saggiare queste caratteristiche per cui, è preferibile recarsi presso un negozio specializzato nella commercializzazione di materassi che vi offra questa opportunità. 

 

 

 

Pubblicata il 10/05/2018 13.36.36